Site Overlay

La vita accanto

Kindle La vita accanto Ho scelto questo libro perch nell incipit si parlava di una bambina irrimediabilmente brutta che sin dalla nascita fa orrore a tutti Pensate brutta a tal punto che la mad

Kindle La vita accanto Ho scelto questo libro perché nell'incipit si parlava di una bambina irrimediabilmente brutta che sin dalla nascita fa orrore a tutti. Pensate, è brutta a tal punto che la madre smette all'improvviso di parlare, si trincera nel silenzio e pian piano diviene uno spettro evanescente, e solo donne rimaste sole e perse nel loro incubo come la tata Maddalena e la provocante zia Erminia riescono ad amare un mostro peloso come Rebecca (ha un nome sì, ma non è importante, a tal punto che di lei scopriamo dove vive e come si chiama solo a 20 pagine o circa dall'inizio). Non si curano di lei i suoi genitori, non suo padre preso dall'incapacità di comunicare con la donna che ama e troppo timoroso di ferire sua figlia (è nata brutta ne ha già di magagne da affrontare, il mondo è crudele si sa), e non sua madre, che un bel giorno decide di gettarsi nel fiume e rendere eterna l'assenza della sua voce.Ma presto si comprende che questa storia della bruttezza non è che il punto di vista di Rebecca, della gente che la circonda, ma non di chi le vive accanto, in casa. Per la bruttezza c'è rimedio, per la malattia no.Così la storia di Rebecca che cerca se stessa oltre quell'occhio strabico e la peluria e chissà cos'altro diviene una ricerca delle sue origini, dei misteri che ruotano attorno a tutti i personaggi della sua vita, compresa la pingue Lucilla, figlia di un fe-di-fra-go e pe-do-fi-lo, compresa sua zia, suo padre, ma soprattutto la madre.Ad accompagnare e condurre la scoperta personaggi positivi come la maestra delle elementari, un maestro di piano del conservatorio e la donna del mistero, la vecchia madre dell'insegnante, custode delle mille verità a cui Rebecca non poteva accedere.Un romanzo leggibile in due ore buone (o anche meno, a dire il vero), il lessico è scorrevole, gli italiani ultimamente prediligono questo discorrere scialbo e essenziale, con un pizzico di ironia e lirismo qua e là in frasi a effetto. Io preferisco i periodi più dettagliati, ma ammetto che questo registro sia adatto alla narrazione, poi in realtà sbaglio io a parlare di romanzo, non credo si possa più parlare di romanzo al giorno d'oggi.Ma ora basta con le discussioni, ho svelato troppo, non sono di certo brava a tenere la bocca chiusa, ahimè.. La vita accanto is Ebook Rebecca nata irreparabilmente brutta Sua madre l ha rifiutata dopo il parto, suo padre un inetto A prendersi cura di lei, la zia Erminia, il cui affetto per nasconde qualcosa di terribile, e la tata Maddalena, affettuosa e piangente Ma Rebecca ha mani bellissime e talento per il piano Grazie all anziana signora De Lellis, Rebecca recupera un rapporto con la compleRebecca nata irreparabilmente brutta Sua madre l ha rifiutata dopo il parto, suo padre un inetto A prendersi cura di lei, la zia Erminia, il cui affetto per nasconde qualcosa di terribile, e la tata Maddalena, affettuosa e piangente Ma Rebecca ha mani bellissime e talento per il piano Grazie all anziana signora De Lellis, Rebecca recupera un rapporto con la complessa figura della madre, scoprendo i meccanismi perversi della sua famiglia E nella musica trova un suo modo singolare di riscatto, una vita forse possibile La Veladiano racconta senza sconti l ipocrisia, l intolleranza, la crudelt della natura, la prevaricazione degli uomini sulle donne, l incapacit di accettare e di accettarsi, la potenza delle passioni e del talento E lo fa con una scrittura limpida, godibilissima, con personaggi buffi, comici, memorabili, e con la sapiente leggerezza di una favola.. Mariapia Veladiano Is a well-known author, some of his books are a fascination for readers like in the La vita accanto book, this is one of the most wanted Mariapia Veladiano author readers around the world. . Good Books La vita accanto Ho scelto questo libro perché nell'incipit si parlava di una bambina irrimediabilmente brutta che sin dalla nascita fa orrore a tutti. Pensate, è brutta a tal punto che la madre smette all'improvviso di parlare, si trincera nel silenzio e pian piano diviene uno spettro evanescente, e solo donne rimaste sole e perse nel loro incubo come la tata Maddalena e la provocante zia Erminia riescono ad amare un mostro peloso come Rebecca (ha un nome sì, ma non è importante, a tal punto che di lei scopriamo dove vive e come si chiama solo a 20 pagine o circa dall'inizio). Non si curano di lei i suoi genitori, non suo padre preso dall'incapacità di comunicare con la donna che ama e troppo timoroso di ferire sua figlia (è nata brutta ne ha già di magagne da affrontare, il mondo è crudele si sa), e non sua madre, che un bel giorno decide di gettarsi nel fiume e rendere eterna l'assenza della sua voce.Ma presto si comprende che questa storia della bruttezza non è che il punto di vista di Rebecca, della gente che la circonda, ma non di chi le vive accanto, in casa. Per la bruttezza c'è rimedio, per la malattia no.Così la storia di Rebecca che cerca se stessa oltre quell'occhio strabico e la peluria e chissà cos'altro diviene una ricerca delle sue origini, dei misteri che ruotano attorno a tutti i personaggi della sua vita, compresa la pingue Lucilla, figlia di un fe-di-fra-go e pe-do-fi-lo, compresa sua zia, suo padre, ma soprattutto la madre.Ad accompagnare e condurre la scoperta personaggi positivi come la maestra delle elementari, un maestro di piano del conservatorio e la donna del mistero, la vecchia madre dell'insegnante, custode delle mille verità a cui Rebecca non poteva accedere.Un romanzo leggibile in due ore buone (o anche meno, a dire il vero), il lessico è scorrevole, gli italiani ultimamente prediligono questo discorrere scialbo e essenziale, con un pizzico di ironia e lirismo qua e là in frasi a effetto. Io preferisco i periodi più dettagliati, ma ammetto che questo registro sia adatto alla narrazione, poi in realtà sbaglio io a parlare di romanzo, non credo si possa più parlare di romanzo al giorno d'oggi.Ma ora basta con le discussioni, ho svelato troppo, non sono di certo brava a tenere la bocca chiusa, ahimè.
La vita accanto , con una lingua sorvegliata e rapida, racconta la storia di un riscatto La protagonista supera o sublima la propria bruttezza grazie alla musica, e Veladiano racconta questo percorso con una sottigliezza non scontata, rara. Jan , La vita accanto book Read reviews from the world s largest community for readers Rebecca nata irreparabilmente brutta Sua madre l ha rifiutata do La vita accanto likes Book La vita accanto , con una lingua sorvegliata e rapida, racconta la storia di un riscatto La protagonista supera o sublima la propria bruttezza grazie alla musica, e Veladiano racconta questo percorso con una sottigliezza non scontata, rara. La vita accanto Una bambina brutta grata a tutti per il bene che le vogliono, sta al suo posto, ringrazia per i regali che sono proprio quelli giusti per lei, sempre felice di una proposta che le viene rivolta, non chiede attenzioni o coccole, si tiene in buona salute, almeno non d preoccupazioni dal momento che non pu dare soddisfazioni. La vita accanto Mi piace Spettacolo teatrale tratto dall omonimo romanzo di Mariapia Veladiano Regia di Cristina Pezzoli, con Monica Menchi Drammaturgia Maura Del Serra La vita accanto ha vinto il Premio Calvino Mario Marchetti Leggi di Biografia Mariapia Veladiano Mariapia Veladiano Vicentina, nata a Vicenza Laureata in filosofia e teologia, ha insegnato lettere ed preside Collabora con Il Regno, La Repubblica, Avvenire e altre testate.La vita accanto, pubblicato da Einaudi il La vita accanto storia di una bambina ingabbiata dentro un corpo brutto, e da esso condizionata Rebecca comprende, fin dall infanzia, quale sar il suo ruolo nel mondo marginale, confinato in una zona d ombra, alla larga dagli sguardi altrui. Titolo La Vita Accanto Autore Mariapia Veladiano Anno Di Pubblicazione Commento Il romanzo di Mariapia Veladiano molto pi di un libro E un crudo spaccato di realt, talmente vero da fare male Rebecca cresce senza affetto ed attenzioni perch da tutti considerata brutta Guarda il mondo da un angolo, in silenzio, e accetta la sua situazione senza ribellarsi. LA VITA ACCANTO La vita accanto la storia di Rebecca, una bambina brutta, nessun handicap fisico ne mentale, semplicemente brutta, bruttissima.

About Author

  1. Mariapia Veladiano says:
    Mariapia Veladiano Is a well-known author, some of his books are a fascination for readers like in the La vita accanto book, this is one of the most wanted Mariapia Veladiano author readers around the world.

Comment 965 on “La vita accanto

  1. Maria Pallozzi says:
    Ho scelto questo libro perch nell incipit si parlava di una bambina irrimediabilmente brutta che sin dalla nascita fa orrore a tutti Pensate, brutta a tal punto che la madre smette all improvviso di parlare, si trincera nel silenzio e pian piano diviene uno spettro evanescente, e solo donne rimaste sole e perse nel loro incubo come la tata Maddalena e la provocante zia Erminia riescono ad amare un mostro peloso come Rebecca ha un nome s , ma non importante, a tal punto che di lei scopriamo dove [...]

  2. Antonella says:
    Romanzo d esordio della Veladiano, con il quale vinse il Premio Calvino nel 2010 Un romanzo che lei stessa definisce riconosciuto dai giudici, come un qualcosa che possa essere condiviso con chi frequenta il mondo dei libri.Benvenuta, Mariapia, nel mio mondo di lettrice Rebecca donna che piace agli uomini , questo dice il suo nome, un nome ebraico.Diverso il destino di questa Rebecca.163 pagine di dolore, remissione e assenza E ancora dolcezza e rabbia.Il dolore, quello degli altri, perch a live [...]

  3. Arwen56 says:
    Mariapia Veladiano sa scrivere in un ottimo italiano E, fin qui, tutto bene Il problema nasce quando si fa mente locale su ci scrive E ci che ha scritto in questo romanzo, romanzo si fa per dire, ovviamente, oltre che essere veramente due palle della madonna per l assoluta ed evidente mancanza dei pi rudimentali strumenti per costruire una struttura narrativa degna di tale nome, anche il nulla totale fatto persona, o meglio, in questo caso, il nulla totale fatto libro Personaggini senza spessore [...]

  4. Giovanni Storiale says:
    Lo stile tanto lineare, eccessivamente ricercato e veloce quanto la storia mediocre, stereotipata e dimenticabile In estrema sintesi un ottima idea di base che troppo facilmente scade nel banale.

  5. Vicky (A Backpack Full of Adventures) says:
    Originally reviewed at I haven t really had the chance to read a great amount of translated fiction before so A Life Apart was definitely unique in this respect, and a bit different from the books I normally read But since there was something in the synopsis which really intrigued me and because I tend to like emotional stories in which the main character tries to overcome some traumatic incident in his or her life and because the cover is so breathtakingly gorgeous , I decided to pick it up and [...]

  6. Mari says:
    Ma non ci sono parole per raccontare tutto, non a quell et Qualche volta le si impara pi tardi, quando hanno perso odore, colore, e soprattutto dolore.Un libro incontrato per caso, incuriosita dalla recensione della mia amica Gracy iniziato e finito in meno di ventiquattro ore perch la storia di Rebecca cattura competamente.Rebecca brutta dalla nascita Una bambina brutta grata a tutti per il bene che le vogliono nonostante la delusione per la sua nascita, sta al suo posto, ringrazia per i regali [...]

  7. Sandy Hogarth says:
    Two extraordinarily beautiful parents and an ugly child My only quibble with this insightful and intriguing novel is that until the very end we are given no sense of what form the ugliness takes which makes it a little less credible Rebecca s mother comes from an impoverished tainted family too many fingers but it also turns out that her wealthy father s family is flawed Her mother cannot bear to expose her monster child to the outside world so shuts her away in the house and withdraws herself f [...]

  8. Paolo Gianoglio says:
    Delicato, profondo, ma allo stesso tempo leggero Della leggerezza di cui parlava Calvino, che non superficialit Un libro sul dolore ma anche sulla capacit di uscirne, con personaggi complessi, con tanto cuore, a volte troppo Un libro che colpisce per la bellezza dei personaggi, che non sono mai a due dimensioni, sono figli di mille contraddizioni e condizionamenti, si battono per negare di essere ci che sono o per superare un dolore che li opprime, o un passato che li insegue Un libro semplice e [...]

  9. GONZA says:
    La storia di una bambina brutta con il talento per la musica, una vita non facile ed un passato alle spalle che pesa anche sulle sue, piccole piccole e fragili Probabilmente la storia di un riscatto sarebbe stata banale, per questo l autrice ci racconta di un esistenza di nicchia, che le permetter poi di trovare un suo piccolo posto nel mondo, ma questa Rebecca non arriva a lasciare un segno in me che sono la sua lettrice, ma la sua musica s.

  10. Massimiliano Laviola says:
    Linguaggio originale, ottima trama, temi mai banali Questo libro sorprendente per l originalit con la quale affronta il tema della bruttezza e del suicidio della madre A differenza del Gramellini strappa lacrime qui il lutto viene elaborato in maniera molto diversa Ottimo romanzo


  11. Deborina says:
    L idea alla base del libro era ottima, ma forse mancato un po di coraggio nello sviluppo della storia qualche personaggio si riduce quasi ad essere una caricatura Buono ma non esaltante.

  12. Maria Elisabetta says:
    Il Regno Libri del mese 12,2011,404Dire che al centro di una storia c la parola quasi tautologico Eppure,dopo che i tanti commenti hannomesso in luce i pregi di una storia insistendoprevalentemente sul tema della bruttezzafisica contrapposta alla bellezza d animo, misembra vi sia molto altro al centro del romanzodi Mariapia Veladiano, La vita accanto Einaudi, Milano 2011 , esordiente evincitrice del premio Calvino 2010.Certamente il fulcro narrativo la vicendadi una bambina brutta che racconta i [...]

  13. Rosângela says:
    stata una lettura che mi ha preso molto praticamente letto in un giorno e in realt vorrei poter dare 3,5 stelle anzich 3 Come ai tempi dell universit quando il prof ci dava 3,5 su 5 come per dire che ce l eravamo cavati, ma senza eccellere Una scritta scorrevole, affascinante, una storia ben costruita e misteriosa a ogni fine di capitolo c era la voglia di continuare, per sapere dove si andava finire Cosa lo ha guastato L idea di un finale fatto di modo frettoloso, come se l ispirazione se ne fo [...]

  14. Raffaella Foresti says:
    Il possibile di una donna brutta cos ristretto da strizzare il desiderio Perch non si tratta solo di tener conto della stagione, del tempo, del denaro come per tutti, si tratta di esistere sempre in punta di piedi, sul ciglio estremo del mondo Io sono brutta Proprio brutta.Il brano tratto dall incipit del romanzo La Vita Accanto, di Mariapia Veladiano, pubblicato da Einaudi, vice Premio Strega 2011 il riconoscimento, ricordo, stato assegnato a Edoardo Nesi, con l opera Storia della mia gente, Bo [...]

  15. Chiara De Martin says:
    Protagonista di questo libro Rebecca, una bambina talmente brutta da sconvolgere la vita della sua famiglia e turbare quanti la vedono Fin dalla nascita le cose per lei non sono facili il padre, ginecologo, spesso assente e si sente inadeguato a prendersi cura di un simile abominio, la madre caduta in una forte e muta depressione subito dopo il parto, la zia, gemella del padre ed esuberante musicista, la mostra un affetto destinato a scomparire ben presto, assieme a lei Solo Maddalena, vedova a [...]

  16. Carlo says:
    Se un libro, di sole centosessanta pagina, inizia come un racconto gotico e finisce dalle parti di Signore e signori c qualcosa che non funziona Cos si rimane male per lo spreco dell accurata costruzione di quella atmosfera opprimente che percorre i primi capitoli, quando la nascita di Rebecca, una bimba di rara bruttezza, sconvolge i delicati equilibri di una bella e apparentemente solida coppia borghese le psicologie sono disegnate con mano delicata e le aspettative del lettore vengono coltiva [...]

  17. Lisetta says:
    Quando si nasce il nostro destino gi segnato dalla natura che con la sua mano giudicatrice a volte concede, nella sua bonariet , a volte toglie nella sua tirannia Rebecca fin dalla nascita sente su di s tutto il peso della natura crudele o, se c , di un Dio che nel momento in cui venne alla luce, era disperatamente distratto Fin dall inizio, di fronte al rifiuto della madre oramai gi sospesa su di una rupe lambita dalla scure acque , anche solo di prenderla in braccio, anche solo di sfiorarla, [...]

  18. Chiara says:
    Come sempre le cose migliori le scopri un po per caso.Avevo letto di questa teologa scrittrice l anno scorso grazie ad un intervista di Isabella Mazzitelli su Vanity Fair l argomento era proprio la bellezza bruttezza e dio e mi ero appuntata il titolo del romanzo nell agenda.Agenda che ho buttato con l arrivo dell anno nuovo, convinta di aver trascritto tutto il necessario in quella nuova.Per mesi il nome di Mariapia Veladiano non mi tornato in mente ma oggi, mentre ero in biblioteca viva viva l [...]

  19. Surymae says:
    Non mi ha convinto Troppe poche pagine per una storia con un intreccio cos complicato che mi chiedo se l abbia capito la stessa protagonista Tutti sono imparentati con tutti e o conoscono tutto di tutti, anche cose che non avrebbero i mezzi per sapere vedi Lucilla Quando poi per la Veladiano ci sarebbe l occasione di osare come nel lasciare intendere una relazione tra il padre di Rebecca e la sua sorella gemella, o in una possibile violenza sessuale si tira improvvisamente indietro, quasi avesse [...]

  20. Jenny says:
    If I d known this won a literary award, I wouldn t have bought it Literary books are concerned with language than story, whereas I m all for story first, clever writing second not that this is particularly clever A Life Apart is a first hand account of what it means to be ugly when surrounded by beauty It s honest in that regard Rebecca held my interest for approximately half the volume of this small book before I grew tired of her The narrative became tedious with no real plot to hold it up Th [...]

  21. Farfinta says:
    Ho provato molte emozioni leggendo questo libro rabbia, amarezza, incredulit , senso di colpa Una bimba innocente che paga per l ottusit di una famiglia e di una societ limitate, inette e ipocrite, Rebecca talmente abituata a nascondersi che le risulta impossibile approfittare delle poche occasioni di contatto sociale e quando diventa donna rester segnata da questo rifiuto, forse solo grazie alla musica potr riappropriarsi della sua femminilit Il romanzo scorre piacevolmente senza particolari ra [...]

  22. Hermioneginny says:
    Rebecca nata brutta La madre si chiusa in un silenzio quasi totale, il padre cerca di ignorarla Solo la tata Maddalena e la zia Erminia le dimostrano affetto, soprattutto per il suo talento da pianista E poi c Lucilla, l unica amica Una vita difficile, una vita accanto agli altri senza mai arne parte veramente.A me ha fatto pena, questa povera bambina rifiutata dal mondo a causa del suo aspetto In una societ dove ormai conta pi l apparire dell essere, Rebecca non ha le capacit per affrontare il [...]

  23. Greg says:
    A Life Apart is the story of en extremely ugly girl living in a small and superstitious Italian village Rebecca is kept secluded from the outside world, living in a villa with her depressed and uncommunicative mother, who has hardly spoken since her birth.Rebecca is a gifted pianist but has to overcome prejudices in order to gain admission into the Conservatory to study At every turn, her ugliness is held against her, and she knows that she will never be allowed to perform in public.In her isola [...]

  24. Amante Libri says:
    Solo una volta cresciuta Rebecca potr sapere, comprendere e in parte superare tutto il dolore di una vita Una madre depressa e terrorizzata, un padre sfumato come un disegno ad acquarelli, una zia irrisolta e una comunit vergognosamente e volutamente ipocrita concertano nel rendere la vita della protagonista un buco di solitudine dolorosa che le si attacca addosso e le penetra dentro come cera fusa.Solo la musica, sotto forma di talento, di insegnanti illuminati e di incontri salvifici, pu tener [...]

  25. M says:
    InadeguatezzaRebecca nasce brutta da genitori bellissimi Si sente abbandonata dalla madre, chiusa nella sua depressione post parto E dal padre, medico incapace di curare la moglie e prendersi cura della figlia La bruttezza non deformit , sia chiaro qui un difetto genetico E la cosa mi ha dato anche un po fastidio La scrittura fin troppo curata, come a dimostrare a tutti i costi di aver fatto i compiti, di essere brava Ma non basta Perch la storia troppo costruita e artefatta e, a tratti, secondo [...]

  26. Alisea says:
    Libro delicato e intenso che per non mi ha convinta totalmente Ho trovato originale il pretesto della bruttezza della protagonista per evidenziare e condannare l inadeguatezza di alcune famiglie di fronte al pregiudizio e l aridit del tessuto sociale di certa provincia italiana, ma alcuni dettagli mi sono sembrati eccessivamente irreali E un romanzo incentrato sull ipocrisia, sul pettegolezzo malevolo, sulla morbosit di scoprire le perversioni altrui Vale per tutti la regola del sembrare e racco [...]

  27. Francesca Nevis says:
    Rebecca nata brutta Da due genitori bellissimi l ultima cosa che uno si aspetta che mettano al mondo un bimbo brutto Certo orribile parlare in questo modo di innocenti creature come i bambini ma quando Rebecca nata anche l ostetrica si trov in difficolt di fronte a lei La madre invece appena ebbe modo di vedere la figlia decise di non voler aver nulla a che fare con quello scherzo della natura, non solo, una volta tornata a casa decise di non uscire pi In seguito alla nascita la madre di Rebecca [...]

  28. Francesca Lorenzini says:
    Una bambina nata oggettivamente brutta getta nella depressione i genitori, troppo deboli per opporsi al giudizio della societ.E disarmante la consapevolezza che ha della sua condizione e immalinconisce il modo in cui non ne discute le conseguenze e non giudica chi non si azzarda a colmare le distanze Solo il suo talento per il pianoforte le dona la possibilit di intessere rapporti sani e, forse, ottenere un barlume di umana esistenza.Sul finale mi sono commossa.Se piace, consiglio anche Batti il [...]

  29. Michael D says:
    This is an elegant and quite engaging short first novel about a physically tainted young girl who is attempting to come to terms with her apparently extreme ugliness and the history behind her mother s chronic depression Some of this book is very well written and while overall ultimately it feels a little slight, it has some beautifully observed moments that reminded me of incidents related to people with mental illness in my own life that rang absolutely true A promising debut and a recipient o [...]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *